Sito d’incontro: perchè andrebbero evitati quelli riservati ad alcune categorie di single?

Un sito d’incontro riservato solo a determinate categorie di single restringe notevolmente la possibilità di trovare l’anima gemella, scopriamo perché.

Quante meravigliose e solide storie d’amore nascono tutti i giorni tra persone che in comune non hanno apparentemente nulla? Ebbene, se quelle persone si fossero iscritte ad un sito d’incontro riservato ad alcune categorie specifiche, molto probabilmente oggi non starebbero insieme.

L’eccessiva selezione razionale nella ricerca della propria anima gemella non sempre ripaga, piuttosto si rischia di evitare occasioni d’incontri potenzialmente interessanti.

Sito d’incontro: non sempre l’amore nasce dai profili affini

Del resto nella realtà quotidiana può succedere di sentirsi attratti da persone che hanno poche cose in comune con noi e decidere comunque di conoscerle meglio, di frequentarle e magari perfino di costruire una relazione cercando un punto di incontro come compromesso.

Siti d’incontro generalisti aprono le porte a una vasta gamma di persone e personalità, attraverso il quale si può riproporre una situazione di certo più realistica. Le conversazioni e i vari approcci faranno poi la cosiddetta selezione naturale.

Anche dal punto di vista della curiosità è certo più intrigante conoscersi partendo in pratica da zero e decidere cosa valorizzare di sé e cosa cercare nell’altro.

Durante la conoscenza in chat le cose in comune usciranno nel corso della conversazione e di certo saranno apprezzate generando a un avvicinamento reciproco ma, al contempo le diversità altrettanto esplicitate, potrebbero rivelarsi fonti di attrazione in egual modo forti.

Tra l’altro, non è detto che i siti che prevedono la suddivisione in categorie siano realmente strutturati ad hoc. Se le voci correlate alle categorie non sono chiare e ben definite si rischia di creare confusione o generare incroci di profili non troppo affini e per giunta, potrebbe anche non esistere quella specifica categoria in cui una persona si riconosce come appartenente, scoraggiando così la propria iscrizione al sito d’incontro stesso.

Leave a Comment