Come scegliere un frullatore a immersione

Il frullatore a immersione è un piccolo strumento abbastanza versatile, utile per tritare gli alimenti e sbattere le uova, o preparare zuppe e salse di ogni tipo. Si tratta di un prodotto pratico e maneggevole, che occupa il minimo ingombro e perfetto per chi dispone di spazi ristretti in cucina.

La differenza sostanziale rispetto ai frullatori tradizionali sta nel meccanismo di funzionamento, il frullatore a immersione viene utilizzato per frullare e lavorare grandi quantità di cibo, direttamente nelle pentole o nell’apposito vano contenitore. In questo modo evitate di travasare gli alimenti trattati, da un recipiente all’altro, risparmiando tempo e fatica.

Per essere sicuri di acquistare un buon frullatore ad immersione, è importante analizzare diversi aspetti e capire quale risponde meglio alle nostre esigenze, leggete questa guida con attenzione che può esservi di aiuto nella scelta finale.

Caratteristiche fondamentali

Il frullatore a immersione presenta una serie di elementi che lo contraddistinguono rispetto al classico frullatore. Questo macchinario è dotato di un corpo macchina solido e di un manico antiscivolo per facilitare la presa, ottima anche l’asta che collega il motore alle lame e il contenitore con una capacita media da un litro, per gli alimenti da frullare. Altro accessorio che troviamo in dotazione sono le fruste per montare e il tritatutto, da collegare al corpo macchina per potenziare le funzioni.

Un buon prodotto deve avere almeno 3 velocità di utilizzo e una potenza di 300 watt, per lavorare meglio in cucina. Da preferire i modelli con apertura larga del recipiente, in grado di facilitare il riempimento e con accessori facilmente staccabili, da lavare anche in lavastoviglie. Per quanto concerne i materiali, occorre che siano di qualità per assicurarvi un prodotto duraturo nel tempo, non dimentichiamo le lame che per garantire la buona riuscita del taglio e trattare diversi tipi di alimenti, devono essere affilate e realizzate in acciaio inox.

A cosa serve e come funziona

Con il frullatore a immersione potete preparare frullati, granite e omogeneizzati, e realizzare creme gustose da servire ai vostri amici. In base agli accessori di cui è dotato, potete frullare e tritare gli alimenti più consistenti e addirittura impastare, lavorando i cibi con estrema facilità grazie alla forma stessa dell'apparecchio.

Il funzionamento di un frullatore a immersione è molto semplice: basterà inserire gli ingredienti all’ interno del contenitore o posizionare il frullatore direttamente in pentola e azionare il macchinario. Per avere un risultato soddisfacente, è importante utilizzarlo nella maniera corretta, se volete ridurre al minimo gli schizzi occorre tenere il frullatore con un angolo di 45°, da muovere delicatamente avanti e indietro e facendo uscire le lame solo quando sono ferme. Regolate la velocità a seconda dell’ impasto da preparare o degli alimenti da frullare, anche se la più bassa è l’ideale in assoluto.

Tutti i modelli di frullatore a immersione, presenti sul mercato sono in grado di soddisfare le esigenze più svariate: si passa dai frullatori tradizionali a quelli più sofisticati adatti a lavorare i liquidi o le pietanze ad alta temperatura, e non mancano i modelli super accessoriati, da usare in alternativa al classico mixer da cucina. Non è detto però che le tipologie più care rappresentino la soluzione migliore, tutto dipende da cosa ci si aspetta dal proprio elettrodomestico e dal tipo di utilizzo che si intende fare, il nostro consiglio è quello di scegliere dei modelli affidabili e mai troppo economici, che possono risultare poco funzionali.

 

Leave a Comment